Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Vai al contenuto
Vai al menu di navigazione

Ti trovi in: Home > Il CLM

Il CLM

Il Creative Learning Mehod: un sistema teorico-didattico per un apprendimento creativo

 

NEL CUORE DEL CLM - PRESUPPOSTI E FINALITA’ DEL CREATIVE LEARNING METHOD
La ricerca e lo studio del CLM si basano sui seguenti presupposti:

  • il rifiuto di una educazione troppo spesso tesa a fornire informazioni quando dovrebbe tendere a preparare alla vita attiva (rispondere a bisogni autentici);
  • il riconoscimento della creatività come valore insito nella natura di ogni uomo e di ogni donna e  come forza capace di orientare al meglio le scelte di vita;
  • la consapevolezza che la creatività, quando non  relegata all’eccentricità o alla fantasia, è capacità di vedere le stesse cose con occhi diversi e da punti di vista diversi per aumentare l’efficacia nell’affrontare la realtà,
  • l’individuazione del motore dell’apprendimento nella scoperta, che presuppone l’esplorazione, la ricerca, la sorpresa, lo stupore e la meraviglia: elementi insiti in un percorso educativo da vivere come avventura,
  • la visione di  un apprendimento  che migliora quando il contenuto proposto appare significativo e importante per la vita,
  • la convinzione che  divertimento e apprendimento possono ( devono!) coincidere nel processo educativo,
  • l’esperienza che solo  quando l’educazione parla a tutta la persona sarà ascoltata,
  • la strutturazione concreta dell’esperienza di apprendimento come elemento fondante per rendere interessante (o noioso) il contenuto da trasmettere,
  • il superamento della scissione fra teoria e prassi poiché le persone sono il punto di partenza  di ogni processo educativo ed ogni teoria si misura sulla prassi  e si insegna tramite “modelli” pratici.


PREMISES FOR THE CLM - THE HEART OF THE CREATIVE LEARNING METHOD
 
Research and study in the context of the CLM base on the following premises:

  • refusal of an education far too often centred on the mere transfer of information and which therefore does not prepare people to active life
  • (i.e. it does not answer their concrete needs);
  • acknowledgement of creativity as a natural value for every man and woman and as a force capable of orienting people towards the best
  • choices;
  •  awareness that creativity, which is not at all to be confused with eccentricity or imagination, corresponds to the ability to see the same things with different eyes and from different points of view, what improves effectiveness in facing reality;
  • the idea that the driving force behind learning is discovery, which implies exploration, research, surprise, amazement and wonder: these elements should be proper of a learning process to be experienced as an adventure;
  • the idea that learning improves when the content presented is perceived as meaningful and important for one’s life;
  • the conviction that fun and learning can (and must) go together in the learning process;
  • the experience that education can only succeed when it addresses a person in his/her whole;
  • the concrete structuring of the learning experience as the basis for making a content interesting (or boring);
  •  the clearing of the dichotomy between theory and praxis, because persons are the point of departure of any teaching process: any theory is taught through practical “models” and its validity is assessed against praxis.

Il CLM si basa sull’idea che la  creatività debba permeare ogni azione, valutazione e decisione e non debba essere collegata con forza soltanto all’elemento della novità o dell’espressione artistica.
La creatività deve essere considerata uno strumento “a tutto campo” che può  aiutare a vivere al meglio scelte, atteggiamenti  e rapporti interpersonali. Grazie alla creatività si trovano soluzioni ai problemi, si evita che le difficoltà si trasformino in ostacoli insormontabili e si legge e interpreta correttamente la realtà in cui viviamo.
Se è vero quanto appena detto, non si può non puntare sulla creatività nei processi educativi, sottolineando anche il fatto che la creatività è di tutti e si può “imparare”. Si nasce creativi e con una capacità immaginativa ricca  e vivace che però nel tempo viene erosa da abitudini, routines, consuetudini, schemi comportamentali. E’ possibile però ri-apprendere la creatività con l’esercizio, l’assiduità e la motivazione unite alle strategie adatte. Le buone idee infatti vengono a chiunque sia disposto a scovarle.

The CLM bases on the idea that creativity should inform every action, evaluation and decision and should not be only seen in connection with aspects such as that of novelty or artistic expression. Creativity should be deemed an “all-round” tool capable of orienting people’s choices, behaviours and interpersonal relations at best. It is thanks to creativity that one can solve problems, prevent difficulties from turning into insurmountable obstacles and “read” and interpret surrounding reality correctly.
This said, it is clear that creativity should be central to any learning and teaching process. We should also underline that creativity belongs to everybody and can be “learnt”. We all are born creative and endowed with a vivid imagination which however is undermined by habits, routines and behavioural patterns with the passing of time. Nevertheless it is possible to re-learn creativity with a diligent practice and motivations combined with the proper strategies. Indeed, good ideas come up when we want them to.

 

Occorrono allora un’azione educativa ed un metodo che siano in grado di liberare quella creatività che è già in ognuno spegnendo progressivamente i suoi “nemici”:

  • pensiero stereotipato
  • fissità  e resistenze
  • paura del fallimento
  • pregiudizi e atteggiamenti prevenuti

e accendendo:

  • pensiero fluido
  • disponibilità al cambiamento e a mettersi in gioco
  • flessibilità mentale
  • pensiero elaborativo
  • empatia
  • immaginazione
  • reattività agli stimoli

Hence the need of a teaching action and methodology capable of freeing people’s inborn creativity by turning off its “enemies”, such as:

  • stereotyped thoughts;
  • fixities and resistances;
  • fear of failure;
  • biases and prejudiced behaviours.

and by turning on:

  • fluid thinking
  • readiness to changes and willingness to put oneself at stake
  • elaborative thinking
  • empathy
  • imagination
  • reactivity to spurs

 

FINALITÀ  DEL C.L.M.
Il CLM  suggerisce sequenze utili allo sviluppo della creatività educativa con la precisa finalità di

  • agevolare l’apprendimento,
  • sviluppare consapevolezza  e fiducia nel proprio potenziale creativo,
  • facilitare cambiamenti significativi del soggetto in formazione,
  • permettere l’esplosione del potenziale cognitivo, relazionale, pratico delle persone,
  • consentire all’individuo  di imparare ad imparare,
  • favorire nel soggetto il processo di autoappropriazione di  contenuti ed atteggiamenti,
  • potenziare le attitudini sociali,
  • sollecitare i dinamismi coscienziali.

Goals of the CLM
The CLM suggests sequences which can be useful to the development of
educative creativity with the specific goals to:

  • facilitate learning,
  • develop awareness and trust in one’s creative potential,
  • facilitate meaningful changes in the learner,
  • support the flourishing of people’s cognitive, relational and practical potential,
  • let people learn how to learn,
  • support people in the process of self-appropriation of contents and behaviours,
  • strengthen people’s social attitudes,
  • stimulate consciousness mechanisms.

I siti di creativ:

  • Creativ - il network delle idee
  • Iecr
  • animaeventi
  • creativ sociale
  • creativ menti
  • creativ educare
  • creativ formazione